Ministero dell'Istruzione e del Merito

Seguici su:

Piano annuale delle attività

Indice della pagina

Descrizione

Oltre alle ore di lezione in classe, il docente è tenuto a svolgere altre ore, dette di attività funzionali all’insegnamento. Questo aspetto del contratto dell’insegnante è regolato dall’ art. 29 del CCNL 2006/2009: si tratta di un lavoro extra-didattico, che comprende attività individuali e collegiali.

“L’attività funzionale all’insegnamento è costituita da ogni impegno inerente alla funzione docente previsto dai diversi ordinamenti scolastici. Essa comprende tutte le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, compresa la preparazione dei lavori degli organi collegiali, la partecipazione alle riunioni e l’attuazione delle delibere adottate dai predetti organi.”

Così è scritto sul Contratto Collettivo Nazionale: il Piano annuale delle attività del personale docente viene emanato dal Dirigente Scolastico all’inizio dell’anno, può poi variare in corso d’opera, ed è obbligatorio per gli insegnanti, anche se supplenti.

La formula è quella di 40+40: 40 ore annue per la partecipazione alle riunioni del collegio docenti, e altre 40 ore annue per la partecipazione ai consigli di classe, di interclasse, di intersezione. Non parliamo di 80 ore totali, in quanto i due tipi di impegni non sono intercambiabili,  ma distinti e indipendenti.
A questi adempimenti si aggiungono le attività di scrutini ed esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione.

Attività collegiali nel dettaglio

  • partecipazione alle riunioni del Collegio dei docenti, comprese le attività di programmazione e verifica di inizio e fine anno, l’informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali e sull’andamento delle attività educative in scuole materne e istituzioni educative. Per questi impegni si calcolano fino a 40 ore annue.
  • partecipazione alle attività collegiali dei consigli di classe, di interclasse, di intersezione. Gli obblighi relativi vengono stabiliti dal collegio dei docenti con una programmazione dettagliata, tenendo conto degli oneri di servizio degli insegnanti con un numero di classi superiori a sei. Per questa attività si calcolano fino a 40 ore annue.
  • svolgimento di scrutini ed esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione.

Documenti

Contatti

Responsabile della trasmissione e pubblicazione dei documenti: Dott.ssa Antonietta Cifolilli.

Il Convitto annesso all’Istituto Tecnico “C. Ridolfi” è un luogo di formazione umana, civile e culturale.

I servizi convittuali agevolano gli allievi la cui pendolarità risulterebbe gravosa ai fini di una regolare frequenza didattica. Il Convitto ospita fino a 100 ragazzi dal lunedì mattina fino al termine delle lezioni del venerdì.

I Docenti del Personale Educativo seguono gli alunni in ogni momento della giornata:

  • Affiancandoli nelle attività di studio (tutti i pomeriggi dalle ore 16,00 alle 17,15 e dalle ore 18,15 alle 19,15)
  • Promuovendo ed organizzando iniziative per il tempo libero a carattere culturale e ricreativo
  • Fornendo assistenza nelle ore notturne
  • Mantenendo contatti di collaborazione con i docenti dell’Agrario raccordandosi costantemente con le famiglie degli alunni.

Per i convittori che arrivano alla stazione ferroviaria di Casalbordino, l’Istituto Tecnico Agrario mette a disposizione il lunedì mattina, per l’inizio delle lezioni, e il venerdì, al termine delle lezioni per il ritorno a casa, un servizio di trasporto interno.

Il Convitto dispone di aree idonee per le attività ricreative e per le attività all’aperto, con organizzazione e partecipazione a tornei di calcio tra convitti e di calcetto con la possibilità di frequentare palestra e/o altre discipline sportive.

Dal lunedì al venerdì viene erogato il SERVIZIO MENSA con pasti preparati in sede dal personale interno dell’Istituto, cuochi e inservienti, presso la mensa del convitto.

Skip to content